Quaderni di birdwatching Anno II - vol. 4 - ottobre 2000

Recensioni

Titolo
di Maurizio Sighele





distribuito su richiesta a:

LIPU
Via Trento 49
43100 Parma

0521 273043

lipusede@tin.it



 

     Questo nuovo volume targato LIPU col patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali è il completo resoconto delle aree italiane ritenute importanti per l'avifauna, le cosiddette IBA (Important Bird Areas).

     Il riconoscimento di tali zone, come già noto, è di fondamentale importanza perchè é questo elenco che fa da riferimento per la designazione delle Zone di Protezione Speciale (ZPS) secondo la Direttiva CEE 79/409 per la conservazione dell'avifauna. Questo, almeno, è l'obiettivo di BirdLife International che ha promosso l'iniziativa nel 1981 ed al quale l'Italia ha aderito immediatamente. Questa nuova pubblicazione rappresenta l'aggiornamento rispetto alla prima stesura di quasi venti anni fa: le aree riconosciute come importanti per l'Italia da 140 sono ora diventate 192 e la speranza è che tutte queste aree diventino ZPS.

     Il testo è molto esasustivo nello spiegare gli intenti e la storia del progetto, nel definire tutte le sigle di cui spesso leggiamo senza sapere esattamente di cosa si tratta: IBA, ZPS, SPEC, CITES, ...... E' completo, dicevo, e a volte diventa anche ripetitivo (quasi ossessivo): non c'e' dubbio che il lettore non possa capire la storia e le finalità dell'individuazione delle IBA!

     Invece di fare un trattato, si è preferito in più di un caso fare una stesura a domanda e risposta, soluzione che rende la lettura più facile soprattutto nella ricerca dei punti di maggior interesse. Parte del testo è anche in inglese.

     La parte del leone di tutto il lavoro è rappresentata dalle 192 schede, una per ogni area riconosciuta importante. Sia chiaro, come è anche chiaramente specificato, questa non è una guida alla visita di queste aree: troviamo una sommaria descrizione del sito e del suo habitat, le motivazioni che hanno portato a segnalare la zona come importante per l'avifauna italiana, l'elenco delle specie che la caratterizzano. Ogni scheda prevede almeno una foto del luogo o di un uccello. Per lo più decisamente belle, alcune immagini francamente non si capisce perchè siano state scelte: quella di un Gracchio corallino, ad esempio, sembra la foto di uno spettro!

     La parte finale del volume comprende una serie immensa di dati spesso elaborati graficamente con quasi una cinquantina tra tabelle e grafici. Tutti questi numeri a me sembrano un po' troppi, tanto che dopo un po' ci si perde. E' proprio necessario sapere che l'88% di aree si estende su una sola regione mentre il restante 12% sta su due o più regioni? Boh.

     Forse non si è avuto il tempo di scremare, e l'impressione di trovarsi davanti ad un libro andato in stampa prima di ulteriori verifiche si ha qua e là anche per il numero di refusi, per le citazioni bibliografiche doppie oltre che per la ripetitività di alcuni concetti come accennavo prima.

     In ogni caso sicuramente non si è trascurato niente e questa pubblicazione sicuramente rappresenta uno sforzo d'equipe fondamentale per la salvaguardia dell'avifauna italiana.


BACK

2000, Quaderni di birdwatching

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.