Quaderni di birdwatching Anno VI - vol. 12 - ottobre 2004

Basic birdwatching
Titolo
di Lorenzo Vanni

Gadwall and Mallard
The second part of this short series about Western Palearctic ducks deals with Gadwall (Anas strepera) and Mallard (Anas platyrhynchos), two species whose female-juvenile-eclypse birds can be hard to identify for beginner birders. The Italian phenology is different for the two species: Mallards are abundant year-round, whereas Gadwalls breed with less than 40-50 pairs, and are more common during migration, but always with few individuals. Main plumage features of Gadwall females useful to differentiate them from Mallards are: contrast between light head and dark breast, white speculum, white belly.


        IL SECONDO APPUNTAMENTO di questa mini serie sulle anatre europee è dedicato alla Canapiglia ed al Germano reale, anatre di superficie le cui femmine possono essere di difficile identificazione per un principiante.

 FENOLOGIA

        La CANAPIGLIA (Anas strepera) è, tra le anatre del paleartico, quella con l’areale di nidificazione più meridionale. Nonostante ciò, nidifica in Italia con un numero di coppie variabile, ma comunque sempre inferiore alle 40-50, localizzate soprattutto nelle Valli di Comacchio. E’ più comune, anche se mai abbondante, come svernante e come migratrice (soprattutto fine settembre-fine ottobre e gennaio-febbraio). La migrazione verso i quartieri riproduttivi tende a prolungarsi fino ad Aprile.

        Il GERMANO REALE (Anas platyrhynchos) è l’anatra più comune in Italia durante tutti i periodi dell’anno e presenta una fenologia piuttosto complessa, dovuta all’esistenza di molte popolazioni paleartiche con differenti comportamenti migratori (popolazioni stanziali, erratiche, migratrici di lungo e corto raggio). La migrazione attraverso l’Italia inizia già dalla fine di agosto, e numerosi (alcune decine di migliaia) sono i Germani reali che trascorrono l’inverno nel nostro paese. La migrazione pre-riproduttiva inizia già nei primissimi giorni di gennaio con il movimento verso Nord dei nostri contingenti svernanti a cui si sommano più tardi i contingenti provenienti dall’Africa mediterranea e da altre parti dell’Europa. La popolazione italiana nidificante è difficilmente calcolabile, anche a causa dell’elevato numero delle forme semidomestiche, ma dovrebbe attestarsi intorno ad alcune migliaia di coppie.

 CANAPIGLIA

        La Canapiglia è un’anatra molto simile al Germano reale per struttura e dimensioni, anche se è un poco più piccola, e il becco appare un po’ più corto rispetto alla testa di quanto non sia nel Germano.

        La femmina in acqua presenta, rispetto a quella del Germano, un forte stacco tra il colore scuro del petto e quello generalmente grigio-biancastro della testa; questo contrasto è spesso visibile anche ad una certa distanza e costituisce un valido carattere identificativo. Il pattern del becco differisce, generalmente, da quello della femmina del Germano per avere un ben definito confine tra i vistosi e spessi margini arancio e il centro grigio scuro. Lo specchio è bianco, spesso poco visibile da posata; le zampe sono giallastre.

        In volo, da sotto, differisce dalla femmina del Germano reale per avere la pancia bianca. Lo specchio alare bianco è di solito ben visibile nella parte superiore dell’ala, anche se nelle giovani femmine può essere molto ridotto.

        Il maschio in eclisse è molto simile alla femmina adulta, ma trattiene le penne dell’ala del piumaggio riproduttivo; il becco, che nel piumaggio riproduttivo è grigio scuro, acquisisce sfumature arancioni ai bordi, anche se generalmente non così ampie come nella femmina.

        Anche il giovane differisce poco dalla femmina adulta, ma è generalmente più contrastato; la testa appare, infatti, ancora più chiara rispetto al corpo, che presenta sfumature rossicce.


image image

Canapiglia - foto P. Marotto

Canapiglia - foto P. Marotto



 GERMANO REALE

        E’ la più grande anatra di superficie europea; poco più grande di una Canapiglia, dà comunque, sia posata che in volo, l’idea di un animale più massiccio.

image

Germano reale - foto P. Marotto

        La femmina ha una colorazione di fondo marrone rossastra (la tonalità può variare molto con gli individui), con alcuni ben marcati segni più scuri a forma di V sul corpo, e sui fianchi in particolare. La testa e il collo sono generalmente più chiari rispetto al resto del corpo, ma questa caratteristica non è mai evidente come nella Canapiglia; il vertice è scuro così come la redine che evidenzia un sopracciglio più chiaro. Il becco, carattere comunque molto variabile, è in genere nero con bordi color arancio di dimensioni variabili, ma in genere non così netti e ben marcati come nella Canapiglia; anche il color arancio è in genere più sbiadito. Spesso il nero centrale è interrotto dall’arancio poco prima del culmine. Le penne laterali della coda sono molto chiare, quasi bianche. Lo specchio è blu elettrico (in genere il colore è ben visibile, ma in cattive condizioni di luce può apparire molto scuro), ed è delimitato da vistosi margini bianchi sempre molto evidenti. Le zampe sono di colore rosso-arancio carico.


image

Germano reale - foto P. Marotto

        In volo appare piuttosto pesante; il sottoala è bianco, mentre la pancia non è mai bianca come nella Canapiglia. Lo specchio blu bordato di bianco è in genere ben visibile anche a distanza.

        Il giovane è molto simile alla femmina, spesso un po’ meno contrastato e con le macchie scure sui fianchi più sfumate (non decisamente a forma di V come nella femmina).

        Il maschio in eclisse è simile alla femmina adulta, il petto è però molto più rossastro e la testa tende a sbiancare sulle guance. Questa caratteristica fa spesso apparire un forte contrasto tra la testa e il petto che può far pensare alla Canapiglia; tuttavia il maschio del Germano reale mantiene il caratteristico colore giallo brillante del becco in tutti i piumaggi, sempre visibile, anche da grandi distanze.

  CANAPIGLIA GERMANO REALE
TESTA Contrasto evidente tra la testa e il resto del corpo Poco contrasto tra la testa e il resto del corpo
VENTRE Bianco puro Appena più chiaro del resto del corpo. Mai bianco puro
ZAMPE Giallo - arancio Rosse - arancio
SPECCHIO Bianco. Può essere poco evidente (juv) Blu, con vistosi margini bianchi


BACK

2004, Quaderni di birdwatching

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.