Quaderni di birdwatching Anno VI - vol. 12 - ottobre 2004

Specie alloctone
Titolo
di Maurizio Sighele

African Spoonbill (Platalea alba) at Valle Mandriole (Ravenna, Northern Italy)
An individual of African Spoonbill (Platalea alba) was present in the spring of 2004, on a nest in a colony of Eurasian Spoonbill (Platalea leucorodia) at Valle Mandriole, Northern Italy (possible nesting in a mixed pair, or simple cooperation?). The current status of the species in Italy is escapee (Category E). The records of African Spoonbill in Italy and the status of this species in other European countries are reviewed.



Spatola africana Platalea alba
filmato di A. Tarozzi - doppio clic per partire

        IL FILMATO QUI A DESTRA ci mostra una Spatola africana Platalea alba ripresa da Andrea Tarozzi il 18 aprile 2004. Sono immagini un po' tremolanti, riprese a grande distanza con la tecnica del digiscoping dalla torretta di Valle Mandriole (RA), ma che testimoniano un fatto insolito: la possibile nidificazione di una specie alloctona.

        Chi ha partecipato al meeting EBN Italia ed alla fiera del birdwatching di Comacchio, o comunque chi ha "bazzicato" per queste zone nell'aprile-maggio 2004 ha avuto la possibilità di osservare questo individuo, che si è trattenuto in compagnia delle nostrane Spatole Platalea leucorodia, frequentando la stessa colonia di nidificazione, visibile (con difficoltà) proprio dalla torretta di questo splendido sito.

        L'individuo di Valle Mandriole è stato inizialmente segnalato su EBN Italia da Federico Montanari che il 15 aprile 2004, "guardando al gruppo di Spatole intente a covare e a trasportare materiali per il nido (spettacolo emozionante)" ha spostato la sua attenzione su una "spatola appollaiata accanto ad una in cova: becco rosato, assenza di colorazione fulva sul petto e faccia rossa: una Spatola africana Platalea alba. Niente anelli, nè di plastica, nè di metallo". In seguito è stata osservata e segnalata fino ai primi di maggio, apparentemente accoppiata ad una Spatola.



Uno dei nidi di Spatola Platalea leucorodia a Valle Mandriole (RA) intorno al quale si faceva vedere l'individuo alloctono di cui si parla in questo articolo. 2 maggio 2004. Foto di Paolo Caretta

        Questa specie ha un'areale esclusivamente subsahariano, simile a quello di un'altra specie alloctona a cui siamo già più avvezzi, l'Ibis sacro (Threskiornis aethiopicus). Le popolazioni di Spatola africana, inoltre, fanno movimenti solitamente molto limitati: può un individuo capitare qui per erratismo? È verosimile, invece, che i soggetti osservati in Europa siano tutti aufughi, anche perché sono facili da reperire come specie ornamentali: un esemplare si può acquistare per 50.00 $ e la specie si riproduce in cattività sia in Italia come alle Hawaii!

        In effetti la Spatola africana è specie esclusa dalla check-list italiana da BRICHETTI & MASSA (1998), considerata di origine aufuga (potenziale accidentale). Allo stesso modo recentemente BACCETTI et alii (2004) la inseriscono in categoria E (specie introdotta o sfuggita alla cattività). ANDREOTTI et alii (2001) la indicano come specie non acclimatata, segnalata sporadicamente.

        Come in Italia, anche in Svizzera la Spatola africana è elencata in categoria E, e anche per Spagna, Belgio e Danimarca vengono ricordati individui di probabile origine aufuga (CRAMP, 1998). GUTIÉRREZ (2000), coautore della check list di Spagna, non tiene conto di quanto genericamente riferito da Cramp e considera come prima segnalazione spagnola quella di un soggetto in Doñana nel 1999, dopo di che la specie è stata osservata almeno una mezza dozzina di volte (DE JUANA & C.R.S.E.O., 2003). Il comitato spagnolo per le rarità ha inserito questa specie in categoria D (specie di dubbia selvaticità - DE JUANA et alii, 2000); il gruppo che si occupa degli uccelli esotici l'ha inclusa nelle categorie D, E3 (D: origine sconosciuta, E3: specie non selvatiche di origine sconosciuta - SEO/BIRDLIFE, 2003).

        In Francia la specie è stata segnalata una dozzina di volte tra il 1997 e il 2001 (REEBER, 2002), ma parecchie segnalazioni erano state fatte anche in precedenza (CRAMP, 1998). Nel 2001, poi, una coppia di Spatole africane ha nidificato nella Francia occidentale (REEBER, 2002): tre nidiacei vennero alla luce ai primi di novembre, morti in seguito a causa delle prime gelate invernali.

        Dalle informazioni raccolte, non è chiaro quale fosse il ruolo dell'individuo di Spatola africana a Valle Mandriole: semplice curioso e spaesato visitatore, nidificante in coppia mista, collaboratore di altra coppia conspecifica? Vista l'esperienza francese, la nidificazione in Europa di questa specie non sarebbe comunque un fatto inedito.

        La Spatola africana era già stata segnalata una volta in Emilia Romagna, trovata morta a Cervia (RA) nel 1994 (BRICHETTI, ARCAMONE & COI, 1995; BAGNI et alii, 2004). Le sole due altre osservazioni riportate da BRICHETTI & FRACASSO (2003) sono umbre: nel 1997 A. Corso, S. Laurenti ed E. Savo segnalarono alla mailing list EBN Italia una Spatola africana al Lago di Alviano (TR) il 9 novembre, trattenutasi a lungo in zona; l'altra segnalazione si riferisce ad un altro (od allo stesso?) soggetto sempre al Lago di Alviano, osservato per diverso tempo nel 1999 da L. Concezzi, T. Taglioni et alii (S. Laurenti, com. pers.)

LOCALITÀ REGIONE DATA
Cervia (RA) Emilia Romagna dic 1994
Lago di Alviano (TR) Umbria 1997
Lago di Alviano (TR)1 Umbria 1999
Garda (VR) Veneto nov 1999
Canalnovo (RO) Veneto 24 - 27 feb 2002
Piana Fiorentina (FI) Toscana 2002 - 2003
Piana Fiorentina (FI)1 Toscana 3 apr 2004
Valle Mandriole (RA) Emilia Romagna apr - mag 2004
Casse del Panaro (MO) Emilia Romagna 29 ago - 5 set 2004
1: è possibile si tratti dello stesso ind. della segnalazione precedente

Revisione delle segnalazioni di Spatola africana in Italia

        Sono poi a conoscenza di un individuo debilitato catturato nel novembre 1999 nei pressi di Garda (VR) e ospitato in seguito per qualche giorno al centro di recupero della LIPU di Verona. Piuttosto confidente, non proveniva però dai parchi faunistici locali (A. Petronio, com. pers.).

        Su EBN Italia sono stati segnalati anche altri individui, in Veneto, in Toscana ed uno, recente, ancora in Emilia Romagna. Nel 2002, il 24 febbraio, Emiliano Verza ed Eddy Boschetti videro un soggetto nel Delta del Po di Rovigo, a Canalnovo, Villanova Marchesana, segnalato poi fino al giorno 27 (D. Trombin in BON, SIGHELE & VERZA, 2002). La specie ha visitato anche la Piana Fiorentina: nel 2003 un individuo è stato segnalato dal 27 marzo al 21 aprile (S. Cutini, F. Perroud et alii in RUGGIERI, 2004), mentre nel 2004 la Spatola africana è stata vista il 3 aprile, fotografata da Daniele Marini. Forse si tratta sempre dello stesso soggetto, che è stato osservato in zona già dall'inverno 2002-2003 (E. Occhiato, com. pers.).

        La più recente segnalazione di Spatola africana su EBN Italia si riferisce ad un individuo incontrato il 29 agosto 2004 alle Casse del Panaro (MO) da C. Zauner. Che fosse uno di quelli già osservati nel 2004? Purtroppo questo soggetto il 5 settembre è stato poi osservato in cattive condizioni; recuperato, è deceduto lo stesso giorno probabilmente per botulismo (G. Braglia, mailing list [mo_bw]).



Spatola africana Platalea alba osservata nel Delta del Po di Rovigo dal 24 al 27 febbraio 2002. Foto di Menotti Passarella


Spatola africana Platalea alba. Individuo molto confidente recuperato in prossimità di Garda (VR) nel novembre 1999. Foto di Antonio Petronio


Spatola africana Platalea alba segnalata al Lago di Peretola (FI), il 3 aprile 2004. Foto di Daniele Marini


Primo piano della Spatola africana Platalea alba osservata alle Casse del Panaro (MO) il 29 agosto 2004 da Carlo Zauner e morta qualche giorno dopo per botulismo


Ringraziamenti

Ringrazio per le immagini e i suggerimenti Luca Bagni, Paolo Caretta, Bruno Caula, Stefano Laurenti, Daniele Marini, Federico Montanari, Ernesto Occhiato, Menotti Passarella, Brian e Francesco Perroud, Antonio Petronio, Andrea Tarozzi, Carlo Zauner.


Bibliografia

  • Andreotti A., Baccetti N., Perfetti A., Besa M., Genovesi P., Guberti V., 2001 - Mammiferi e Uccelli esotici in Italia: analisi del fenomeno, impatto sulla biodiversità e linee guida gestionali. Quad. Cons. Natura 2, Min. Ambiente - INFS: 1-190.
  • Bagni L., Sighele M., Passarella M., Tinarelli R., Cocchi L. & Leoni G., 2003 - Check-list degli uccelli dell'Emilia-Romagna dal 1900 al giugno 2003. Picus, 56: 85-107.
  • Baccetti N., Fracasso G. & Serra L., 2004 - Lista CISO-COI degli uccelli italiani (13.02.2004). Sito web del CISO-COI: www.ciso-coi.org.
  • Bon M., Sighele M. & Verza E. (red.), 2003 - Rapporto ornitologico per la regione Veneto. Anno 2002. Boll. Mus. Civ. St. Nat. Venezia, 54: 123-160.
  • Brichetti P., Arcamone E. & C.O.I., 1995 - Comitato di Omologazione Italiano (C.O.I.) 9. Riv. ital. Orn., 65: 63-68.
  • Brichetti P. & Fracasso G., 2003 - Ornitologia italiana. Vol. 1. Gaviidae-Falconidae. A. Perdisa Editore: 1-464.
  • Brichetti P. & Massa B., 1998 - Check-list degli uccelli italiani aggiornata a tutto il 1997. Riv. ital. Orn., 68: 129-152.
  • Cramp S., 1998 - The Birds of the Western Palearctic on CD-ROM. Optimedia, in CD-ROM.
  • de Juana E. & C.R.S.E.O., 2003 - Observaciones de aves raras in España, 2001. Ardeola, 50: 123-149.
  • de Juana E., Gutiérrez R. & Lorenzo J. A., 2000 - A list of the Birds of Spain. Spanish Rarities Committee, Barcelona.
  • Gutiérrez R., 2000 - Recent Reports: August - September 2000. Sito web Rare Birds in Spain: www.rarebirdspain.net/arbsr009.htm.
  • Reeber, 2002 - Nidification de la Spatule d'Afrique Platalea alba au lac de Grand-Lieu (Loire-Atlantique). Ornithos, 9-1: 42-43.
  • Ruggieri L. (red.), 2004 - Annuario 2003. EBN Italia, Verona: p. 46.
  • SEO/BirdLife, 2003 - Aves invasoras en España: lista preliminar de especies en la categoría E. Grupo de Aves Exóticas de SEO/BirdLife, 6/03/2003.

  • BACK

    2004, Quaderni di birdwatching

    Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.