Quaderni di birdwatching anno VIII - volume 15 - aprile 2006

portfolio

Titolo
Bruno Caula


QB artists: Bruno Caula
Born in Cuneo in 1962, Bruno Caula has been showing his innate passion both for nature and for drawing since he was in grade school. He uses several different techniques; lately he prefers the ball pen for black and white drawings. He has taken part in various art exhibit and has collaborated in several publications, most recently "Avifauna di Sicilia", by Andrea Corso. Of course his great attention for details makes him an excellent birdwatcher, as well as an outstanding artist.



Cuculo dal ciuffo, penna a sfera su cartoncino, cm 45 x 30

        CUNEESE, NATO NEL 1962, ha subito manifestato un'innata passione per gli animali, la natura e, allo stesso tempo, per il disegno, anche se il primo successo si rivelò... traumatico! In quarta elementare partecipò ad un concorso di disegno realizzando una giraffa, ma venne eliminato perchè era talmente ben fatta che si pensò che qualche "grande" l'avesse disegnata per lui!!

        Nonostante gli inizi non siano stati dei migliori, la passione per il birdwatching e per il disegno naturalistico sono cresciuti di pari passo: partecipazioni a mostre ed esposizioni "di nicchia" (sovente correlate ai convegni italiani di ornitologia) e collaborazioni ad alcune pubblicazioni sia a carattere divulgativo che specialistico, ultima in ordine di tempo il volume Avifauna di Sicilia, di Andrea Corso.

paint
Gipeto, penna a sfera su cartoncino, cm 90 x 30


I "Quaderni di campagna", con la tavola relativa alla prima
osservazione italiana di Moretta dal collare sul Lago di Viverone

        Le tecniche che adopera sono molteplici, dalla tempera all'aerografo, dalla matita alla china, e negli ultimi tempi trova particolare soddisfazione nell'impiegare la penna a sfera in disegni in bianco e nero.

        La sua attività professionale vera e propria (è un grafico pubblicitario impegnato nell'ideazione e realizzazione insegnistica e cartellonistica) gli ha permesso di poter approfondire una particolare tecnica che consiste nella realizzazione, mediante mascheratura e successivo intaglio, di paesaggi e temi a carattere ornitologico-naturalistico lavorando con l'aerografo specularmente sulla parte posteriore di lastre in metacrilato (plexiglas) trasparenti, con indubbi notevoli risultati.

        Bruno dedica la maggior parte del tempo libero alla stesura dei "Quaderni di campagna", che ritiene a ragione "un indispensabile compendio all'osservazione diretta in natura", attraverso la quale ha affinato, negli anni, sia la riproduzione delle osservazioni che la capacità nella determinazione sul campo delle caratteristiche delle varie specie, così che l'abitudine di fissare nella mente tutti i caratteri necessari per una successiva riproduzione grafica (forma e colore del becco, delle zampe, segni di muta, ecc.) si rivela aiuto insostituibile per praticare birdwatching "di qualità".

        Tutti i disegni e le note ricavate dalle sue osservazioni in natura occupano diversi libroni ben rilegati, assolutamente ad uso personale. "Una passione, non un vero lavoro", dice Bruno, "perchè nel momento in cui la passione diventa lavoro non lo fai più con passione"...



Cinciarella, matite colorate su cartoncino, cm 45 x 30


Pernice di mare, tempera e aerografo su cartoncino, cm 25 x 35



BACK

2006, Quaderni di birdwatching

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.