Quaderni di birdwatching Anno VIII - volume 16 - ottobre 2006

Reale e Virtuale
Titolo
di Maurizio Sighele

A toy for birders
A smartphone is a cell phone which is also a palm computer. Among the most complete of their kind are those of the Treo series, e.g. the Treo 650. It allows taking pictures (also of birds, of course), playing mp3 files (including bird calls and songs), sending emails, reading road maps, managing databases etc... Of course you can also use different pieces of equipment for the same purposes, and each one will probably offer better performances on its own (e.g., larger display, larger memory, ...), but a smartphone includes all this in one relatively small and easy-to-carry instrument.



        DURANTE LE USCITE DI BIRDWATCHING in compagnia di nuovi amici birder è capitato frequentemente mi fossero fatte domande riguardo alla "tecnologia" che usavo per richiamare gli uccelli, tecnologia che ha destato non poca curiosità e stupore. L'apparecchio che uso come richiamo, infatti, è lo stesso che uso per rispondere alle telefonate o per prendere appunti o persino per fare del phone-digiscoping. E il tutto con estrema praticità e semplicità.

        In effetti da un po' di tempo il mio telefono è uno smartphone. Per smartphone si intende l'abbinamento di un apparecchio due in uno, che raggruppa le funzioni telefoniche portatili (GSM/GPRS) a quelle di un palmare. Nel mio caso sto usando dei Treo, prima il 270, poi il 600, e attualmente il 650. Prodotto inizialmente da Handspring, il modello è poi stato acquisito da Palm che è anche proprietaria del sistema operativo del palmare (Palm OS).

        L'apparecchio è un vero e proprio palmare con software Palm OS 5, con tutte le possibilità relative: tra le tante cose io lo uso anche come navigatore stradale (abbinato a un ricevitore satellitare sfrutta software Michelin o TomTom), ho il data base clinico di tutti i miei pazienti (faccio il medico di famiglia), posso visualizzare filmati o immagini (tra cui tutte le cartine IGM della provincia di Verona, dove è in corso una ricerca per gli atlanti dell'avifauna nidificante e svernante), posso aprire un file pdf, filemaker, excel o word, ... insomma è un palmare, un computer da "palmo".

        Nello stesso tempo è anche un telefono GSM/GPRS quadriband delle ultime generazioni, per cui posso telefonare e scambiare messaggi SMS e MMS, fotografare 640x480, girare piccoli filmatini, ma anche leggere e ricevere email, navigare su web, ... E come altri telefonini questi smartphone possono leggere file mp3, quindi leggere e far ascoltare (punto da cui siamo partiti) file audio di registrazioni di canti e versi degli uccelli.


"Richiamo" in mano (lo smartphone) assieme al binocolo

        Perché Treo 650? Tutto quanto è attinente alla parte "computer", come è logico che sia, può essere offerto da un qualsiasi palmare, così come la parte telefonico/fotografica da qualsiasi cellulare. Sicuramente esistono palmari migliori del Treo per grandezza del display, ad esempio, e certamente sul mercato tanti telefoni hanno ricezione migliore di questo apparecchio o dispongono di una fotocamera con maggiore numero di pixel. Mi preme anche ricordare che tutto quanto ho sopra menzionato può essere ottenuto dall'abbinamento di due apparecchi separatamente, cioè un palmare e un telefonino dotati di tecnologia bluetooth (indispensabile perché i due comunichino tra loro con celerità). Ma volete mettere la comodità di portarsi in tasca un solo strumento?

        Il vantaggio nel possedere un Treo è proprio quello di farsi accompagnare da un unico apparecchio, magari con caratteristiche non al top (come spesso succede in questi casi), ma assolutamente adeguate. La concorrenza al Treo è quasi inesistente: non conosco nessun altro smartphone con queste caratteristiche che sfrutti Palm OS, mentre con Windows CE ho sperimentato l'HP 6515, con caratteristiche simili e pure un vantaggio rispetto al Treo: anche il ricevitore satellitare è incorporato. Influirà la mia avversione per il mondo Windows, ma questo HP mi pare più lento... E poiché nella prossima versione il Treo abbandonerà Palm Os per Windows CE, per me sarà un bel dilemma...




Sterne codalunga in cova sull'Isola Inner Farne, Inghilterra
doppio clic per far partire il filmato

        Queste righe non vogliono suggerirvi di comprare uno smartphone se vi serve un riproduttore di file audio: potete senz'altro usare un più economico lettore di musicassette o un lettore cd o un più moderno lettore mp3 (magari lo splendido iPod, ma non solo), strumenti ai quali, però, dovrete per forza applicare degli altoparlanti esterni autoamplificati. In alternativa si possono usare lettore ed altoparlanti dell'automobile... ma non dappertutto. La praticità di tirar fuori dalla tasca un "telefono" e di ascoltare e richiamare attraverso il viva voce di questo apparecchio è invidiabile. Uno dei vantaggi del Treo è che non necessita d'altro, in particolare non è necessario abbinare un altoparlante esterno (anche se, sia chiaro, il volume non è molto alto).

        Per alcune delle possibilità descritte, và ricordato che si deve disporre di una scheda di memoria capiente: il Treo e l'HP montano schede Secure Digital. Una buona capienza è necessaria più che altro qualora si intenda usarli anche come navigatore satellitare, poiché la cartina dell'Italia occupa circa 400 MB (anche se nulla vieta di inserire solo la regione che interessa volta per volta). Per i file mp3 la dimensione dipende dal tipo di compressione, ma, per fare un esempio, per i vostri 4 CD del Roché trasformati in mp3 possono bastare circa 220 MB. Una volta inseriti potete fare un bel [CERCA] e troverete facilmente la "Cincia alpestre"...

        Da un po' di tempo sono uscite alcune guide di identificazione da installare su palmare, ad esempio a fine 2005 la celeberrima Collins Bird Guide. Tutte queste guide funzionano esclusivamente su Pocket Pc, pertanto non ho ancora avuto la possibilità di testarle. Il costo della Collins su palmare è comunque ben più alto della versione stampata, si aggira infatti sui 120 Euro, e non tutti i commenti dei birdwatcher inglesi sono positivi.

        In ogni caso vi ho voluto suggerire un apparecchio, discretamente costoso (si trova dai 500 ai 700 Euro), ma con un enorme flessibilità. Al birdwatcher, all'ornitologo, può essere utile perché:
            - Può essere usato come richiamo (o d'aiuto per il riconoscimento dei canti) senza ausili esterni
            - Permette di consultare cartine o tavolette IGM (inserite come file JPEG)
            - Permette di scrivere appunti o di compilare schede (su file Word, Excel, FileMaker Pro, ...)
            - Scatta immagini di fortuna abbinato ad un cannocchiale o ad un binocolo
            - Può essere usato per rilevare le coordinate satellitari (abbinato ad un ricevitore esterno)
            - Sta in una qualsiasi tasca anche in caso di leggeri abiti estivi
            - Possibile uso (futuro?) di guide da campo
            - Permette di chiamare o inviare SMS, MMS e persino email ad amici per segnalare una specie accidentale...


BACK

2006, Quaderni di birdwatching

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.