Quaderni di birdwatching anno IX - volume 18 - ottobre 2007

Articolo originale

Titolo
di Giuseppe Zini


Yellow-legged Gull breeding in Turin, Italy
Yellow-legged Gulls nest mainly on coastal cliffs. However, in the early 1970's they began nesting in cities, first in Rome, then in Cremona, Genoa, and several others. Therefore, the breeding of a Yellow-legged Gull pair in downtown Turin in 2007 was a pleasant but not completely unexpected finding.



Foto di Paolo Gislimberti & Giuseppe Zini

        CE LO ASPETTAVAMO come una cosa scontata. Ma quando ci siamo accertati effettivamente dell'evento è stata comunque una gradita e meravigliosa sorpresa: la nidificazione del Gabbiano reale a Torino, in città.

        Il principale habitat di riproduzione del Gabbiano reale è sempre stata la scogliera marina, dove risiede l'80% della popolazione nidificante in Italia (1993).

        La riproduzione nei centri urbani è iniziata a Roma nel 1971 e successivamente a Cremona, Genova, Sanremo (IM), Venezia, Trieste, Livorno, Napoli, Cagliari. Quasi tutte città di mare con alcune incursioni nell'interno della penisola.

        E' molto probabile che la nidificazione sui tetti sia dovuta alla saturazione delle colonie nei siti naturali ed alla facilità nel procacciarsi il cibo (la dieta è onnivora: animali sia morti che vivi, vegetali, rifiuti, scarti).

        Nello specifico, l'uovo di Bingo (così è stato chiamato il piccolo, per il fatto di essere nato su una struttura che ospitava una sala Bingo ora abbandonata) è stato deposto a fine aprile; attorno al 21 maggio 2007 il giovane ha cominciato a dare segni della propria presenza (25-27 girni d'incubazione) e si è involato alla fine di giugno.

        Ricordo solo che, oltre al Gabbiano reale, a Torino sono presenti Gabbiani comuni, Zafferani, Gabbiani reali nordici, Mugnaiacci, Gabbianelli e anche Gabbiani reali pontici (da Torino Birdwatching www.birdguide.it/nodotorino/)



BACK

2007, Quaderni di birdwatching

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.