Quaderni di birdwatching anno IX - volume 18 - ottobre 2007

Recensioni
Titolo
di Franco Roscelli & Maurizio Sighele

     LA SFIDA, nata da una felice intuizione di Maurizio Ravasini e fortemente sostenuta da Francesco Mezzatesta, era riuscire a trasformare un'anonima distesa di campi nella Bassa Parmense, coltivati a mais e barbabietola, in una ambiente specificamente dedicato al birdwatching, sul modello delle riserve della RSPB.

     Per la prima volta in Italia, la LIPU tentava di realizzare a Torrile un ripristino ambientale, ricreando una zona umida naturale, che si integrasse con le adiacenti vasche dello zuccherificio Eridania (dove nel 1977 aveva iniziato a nidificare il Cavaliere d'Italia, simbolo dell'oasi).

     L'oasi LIPU di Torrile apre le porte nel 1988, dopo due anni di lavori: dieci ettari di palude e bosco, più volte ampliati, fino ai 32 ettari attuali. Capanni di osservazione, camminamenti schermati e assenza di disturbo antropico sono forse gli elementi che maggiormente ne hanno decretato il successo tra birdwatcher e fotonaturalisti, attirati da "Svetlana", l'ormai famosa Aquila anatraia maggiore che sverna nell'oasi dal 1999, o dalla possibilità di riprendere da vicino molte specie di acquatici. Credo siano in pochi, tra quelli del nord Italia, a non averla mai visitata!

     Una sfida vinta, dunque, per vari motivi: la localizzazione geografica, a poca distanza da due importanti rotte migratorie, quali il fiume Po (est-ovest) e il Taro (nord-sud). L'impegno e la collaborazione di volontari, di professionisti, di enti, associazioni e aziende, che hanno saputo unire gli sforzi per ricostruire un ambiente naturale che l'impatto umano aveva quasi cancellato.

     E poi la presenza di Maurizio Ravasini, vero genius loci, che Armando Gariboldi definisce giustamente "croce e delizia" di Torrile e dei sui frequentatori (pennuti e non). Già nel 1998, in occasione del decennale, Ravasini aveva pubblicato "Gli uccelli dell'Oasi LIPU Torrile"; ora, a quasi 20 anni dall'inaugurazione, esce un volume decisamente più ricco di dati e abbondantemente curato dal punto di vista grafico, grazie anche al contributo finanziario della Laterizi Giavarini.

     Il libro si apre con ben otto presentazioni: di Danilo Mainardi (Presidente onorario LIPU), Giorgio Giavarini (Industria Laterizi Giavarini s.p.a.), Vincenzo Bernazzoli (Presidente della Provincia di Parma), Giovanni Buttarelli (Sindaco di Torrile), Giuliano Tallone (Presidente LIPU), Marco Lambertini (Direttore LIPU 1990-1997), Armando Gariboldi (Direttore LIPU 1997-2001) ed Elena D'Andrea (attuale Direttore LIPU).

     La prima parte ripercorre con abbondanza di illustrazioni la storia dell'oasi e descrive l'evoluzione degli ambienti naturali in essa presenti, dalla loro ri-creazione ad oggi. La parte centrale del volume contiene l'analisi faunistica dell'area studiata da Ravasini, che (va sottolineato) non comprende solo l'oasi LIPU vera e propria, ma anche un'ampia zona circostante di circa 400 ettari, di cui 282 sono tutelati come oasi di protezione provinciale.

     Per quanto riguarda l'avifauna, sono segnalate (a tutto il 2006) ben 290 specie, 174 non passeriformi e 116 passeriformi (a pagina 93 è riportato erroneamente un totale di 289, spiegabile per la dimenticanza iniziale di una specie, la Passera lagia, aggiunta poi al momento della stampa finale).

     Ogni pagina di questa sezione del libro riporta, in genere, le schede fenologiche di tre specie, corredate da altrettante foto, in maggioranza eseguite a Torrile. Per alcune specie sono presenti più foto o grafici, mentre per quelle occasionali o rare sono elencate tutte le date di osservazione.

     In aggiunta, troviamo anche una lista commentata e corredata di foto di altri taxa: mammiferi, rettili, anfibi, pesci, odonati, lepidotteri, ragni e insetti. Una ventina di pagine sono poi dedicate a piante acquatiche, alberi e arbusti. Per finire: le prospettive dell'oasi, destinata ad ampliarsi nei prossimi anni su terreni al di là del canale Lorno, in cui sono in corso gli scavi, per raggiungere gli 80 ettari di superficie.




informazioni/richieste:

himantopus@libero.it

oppure
all'oasi LIPU di Torrile

oppure
Emporio LIPU

BACK

2007, Quaderni di birdwatching

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.