Quaderni di birdwatching anno X - volume 19 - aprile 2008

Parliamo di...

Titolo
foto di Tiberio Bertolone


"Portofino Bird" Project
The project "Portofino Bird" aims to monitor the bird population of an important site of the Natura 2000 Network, in the famous Park of Portofino. This project is carried out by the EBN Italy local group "Liguriabirding", which is trying to involve the local community and the national birdwatching net to collaborate to the project, in order to ensure protection and knowledge of birds which live in the area.


        IL PARCO NATURALE REGIONALE DI PORTOFINO è conosciuto in tutto il mondo: ogni anno migliaia di turisti visitano il borgo di Portofino e l'antica Abbazia di San Fruttuoso, oppure risalgono a piedi i ripidi sentieri che percorrono il monte, ammirando panorami mozzafiato sospesi tra mare e terra. Ma il Parco non è solo turismo: è soprattutto un grande laboratorio di biodiversità che, al suo interno, ospita numerose specie endemiche di flora e fauna ed una notevole varietà di ambienti naturali e semi-naturali.

  IL PARCO

        Il Parco Naturale Regionale di Portofino è costituito dall'omonimo Promontorio, la principale sporgenza della Riviera Ligure, posto 30 Km a levante della città di Genova, ed ha un'estensione di 1056 ettari, ai quali ne vanno aggiunti altri 3400 che costituiscono la cosiddetta "area cornice".


San Fruttuoso, foto di Niccolò Alberti

        Il Promontorio, con una superficie di soli 18 Kmq, ha uno sviluppo costiero di ben 13 Km e si eleva fino a 600 metri di quota. La particolare posizione e le trasformazioni indotte dall'uomo, che da più di mille anni abita sul Monte, hanno creato numerosi ambienti diversi che rendono "unico" e particolarmente vario questo piccolo territorio.

        La varietà di ambienti rende inoltre il Parco un sito ideale per ospitare numerose specie di uccelli, oltre, naturalmente, ad una grande varietà di altri esseri viventi, dai vegetali agli insetti, dai mammiferi ai rettili ed agli anfibi.

        Il territorio del Parco è anche un Sito di Interesse Comunitario, compreso nella Rete Natura 2000 della Regione Liguria. Tra le specie di uccelli elencate nell'Allegato I della Direttiva Uccelli e presenti (anche occasionalmente) nel SIC figurano il Succiacapre, l'Ortolano, il Falco pellegrino, la Garzetta, l'Averla piccola, la Magnanina, il Gabbiano corallino ed il Beccapesci (fonte: ambienteliguria.it). Oltre a queste, sono presenti numerose altre specie di interesse conservazionistico, come il Picchio rosso maggiore, il Gheppio, il Barbagianni e il Picchio muraiolo, solo per citarne alcune.

        I considerevoli flussi turistici e gli interessi che ruotano intorno a questa area mettono però a repentaglio la conservazione del territorio, che può essere garantita solo con opportuni progetti di monitoraggio e gestione "eco-sostenibile".

  LA RETE NATURA 2000: SIC & ZPS

        La Rete Natura 2000 è una vera e propria "Rete" formata da "nodi" collegati tra loro. I "nodi" della Rete racchiudono al loro interno habitat e specie particolarmente minacciate di estinzione a causa delle attività umane.


Il tramonto nel piccolo borgo di Paraggi, foto di Gabriella Motta

        Per questo motivo l'Unione Europea ha ritenuto fondamentale costruire un sistema di aree protette che consentisse la tutela della biodiversità nel nostro continente.

        La costruzione del sistema è avvenuta grazie a due Direttive Europee: la Direttiva Uccelli (Direttiva 409/79 CEE) e la Direttiva Habitat (Direttiva 43/92 CEE).

        Le aree protette che compongono la Rete Natura 2000 sono denominate SIC (Siti di Importanza Comunitaria) e ZPS (Zone di Protezione Speciale).

        Qual è la differenza? Le ZPS sono aree istituite specificamente per la protezione degli uccelli. I SIC sono invece dedicati alla protezione di tutte le specie e gli habitat prioritari, uccelli compresi.

        Per questo motivo è importante monitorare l'avifauna prioritaria in tutte le aree individuate dalla Rete Natura 2000. In Liguria la Rete Natura 2000 è ben strutturata: vi si trovano 125 SIC (99 terrestri e 26 marini) e 7 ZPS, per una copertura totale di 140.000 ettari sulla terraferma e 7.000 ettari sul mare.

Titolo Falco pellegrino, foto di Marco Fortunato


  IL PROGETTO

        Già in passato il promontorio, data la sua importanza conservazionistica, é stato oggetto di indagini ornitologiche. Ora l'Ente Parco, per meglio affrontare le sfide legate alla gestione del Sito di Importanza Comunitaria, ritiene importante approfondire ulteriormente le conoscenze relative all'avifauna di questo territorio.

        E' con questi presupposti che nasce il Progetto "Portofino Bird: monitoraggio degli uccelli del Sito di Importanza Comunitaria Parco di Portofino", collaborazione tra LiguriaBirding, nodo ligure dell'associazione nazionale EBN Italia, ed il Parco Regionale di Portofino.

Gli obiettivi

  • delineare un quadro aggiornato dell'avifauna del Sito di Importanza Comunitaria "Parco di Portofino".
  • porre le basi per successivi interventi di tutela e gestione mirati alla conservazione degli uccelli e della biodiversità.
  • contribuire a diffondere la cultura del birdwatching e della conservazione a livello locale e regionale.
  • I tempi

  • Il progetto di monitoraggio, iniziato nel dicembre 2007, proseguirà fino a dicembre 2008.
  • Le indagini

    Sono previste 2 principali fasi di lavoro:

  • ricerca bibliografica, mirata a ottenere un quadro preliminare delle specie presenti, attraverso l'analisi dei risultati di studi e ricerche specifiche svolte nell'area e la consultazione del Personale del Parco.
  • ricerca sul campo, finalizzata all'acquisizione di dati quantitativi e qualitativi di maggior dettaglio.
  • I dati raccolti saranno georeferenziati utilizzando una griglia UTM 1Km x 1Km, archiviati in un database e successivamente elaborati mediante un software GIS.



      METODOLOGIA DEI RILEVAMENTI

            Sono previste indagini sul campo relative sia alla presenza dell'avifauna svernante che di quella nidificante, compresa l'avifauna notturna.

    Avifauna svernante

    Percorso di alcuni transetti individuati dall'unione dei punti di ascolto prescelti per il campionamento in periodo riproduttivo.
    Il periodo individuato comprende quello tipico dicembre-gennaio.
    Le uscite continueranno alla ricerca dei nidificanti precoci (febbraio-aprile) ed in sosta migratoria (agosto-ottobre).
    I transetti saranno omogeneamente distribuiti nei tre periodi e ciascuno di essi sarà percorso interamente nel corso di un'unica data.


    Vista dal promontorio della costa di ponente
    foto di Gabriella Motta


    Il gruppo impegnato nel censimento sul monte
    foto di Gabriella Motta

    Avifauna nidificante

    Punti di ascolto nel periodo primaverile (15 maggio - 15 luglio).
    Questo metodo, che consiste nella disposizione di stazioni d'ascolto entro le quali effettuare un campionamento puntiforme (punto di ascolto), segue procedure consolidate che consentono di registrare, per un periodo prestabilito (5 minuti di pre-ascolto e 10 di ascolto), qualsiasi contatto visivo e uditivo con gli individui presenti, senza limiti di distanza.

    Avifauna notturna (Strigiformi e Succiacapre)

    Uscite notturne mirate, con l'utilizzo del metodo del "play-back", finalizzate all'ascolto del canto territoriale indotto a seguito di stimolazione acustica.


      LA COLLABORAZIONE

            Fondamentale per il successo del progetto è la collaborazione tra birdwatchers, appassionati e ornitologi. Riteniamo utile coinvolgere la rete nazionale, ma anche coloro che, a livello regionale, intendono avvicinarsi al mondo del birdwatching.

            Per questo motivo LiguriaBirding, nodo ligure di EBN Italia, ha deciso di promuovere l'iniziativa attraverso il proprio sito internet liguriabirding.net. All'interno è possibile scaricare una scheda di rilevamento, da compilare con i propri avvistamenti e spedire via mail all'indirizzo info@liguriabirding.net.

            Ma non basta. Affinché il progetto diventi patrimonio del territorio occorre coinvolgere i residenti, le persone che vivono dentro e vicino all'Area Protetta. Per questo motivo è prevista la pubblicazione di un articolo sulla rivista del Parco e sarà organizzato un incontro pubblico di presentazione del Progetto.

            Nel corso della presentazione verranno illustrate alcune delle ricchezze ornitologiche del Promontorio e ci sarà l'occasione per far conoscere il birdwatching, Liguriabirding e l'associazione EBN Italia.


    Collabora anche tu!

    Scarica qui sotto la scheda di rilevamento e la mappa per i rilevamenti
    DOWNLOAD
    clicca col tasto destro e salva sul tuo computer

    LETTURE CONSIGLIATE

  • Assessorato Ambiente e Territorio, Regione Liguria. 2002 - Biodiversità in Liguria. La rete Natura 2000. Microart's spa, Genova.
  • Bibby C.J., Burgess N.D. & Hill D.A. 1992 - Bird census techniques. Academic press, London.
  • Brichetti P., Gariboldi A. 1999 - Manuale pratico di ornitologia. Edagricole, Bologna.
  • Girani A. 1999 - Guida al Parco di Portofino. SAGEP, Genova.
  • Massa R., Bani L., Massimino D. & Bottoni L. 2002 - La biodiversità delle foreste valutata per mezzo delle comunità degli uccelli. Regione Lombardia. Progetto strategico 9.1.6. Azioni di salvaguardia e di valorizzazione del patrimonio boschivo. Pp. 129.
  • SITI WEB

  • liguriabirding.net
  • parcoportofino.it
  • natura2000liguria.it
  • ambienteliguria.it
  • ec.europa.eu

  • BACK

    2008, Quaderni di birdwatching

    Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.