Quaderni di birdwatching anno X - volume 20 - ottobre 2008

Articolo originale
Titolo
di Stefano Volponi1, Davide Emiliani2 & Maurizio Sighele3
1 ISPRA, Ozzano dell'Emilia (BO) - 2 WWF, Ravenna - 3 EBN Italia, Verona

Mixed breedings of African Spoonbill (Platalea alba) at Valle Mandriole (RA, Italy)
An African Spoonbill has been present at Valle Mandriole at least since 2004. As Valle Mandriole hosts the largest Italian breeding colony of Eurasian Spoonbill Platalea leucorodia, with over 100 pairs, it is no surprise that some hybrids (African Spoonbill x Eurasian Spoonbill) were found (and ringed). A little more surprising is that hybrid chicks African Spoonbill x Sacred Ibis (Threskiornis aethiopicus) were observed, one in 2007 and two in 2008. These birds were ringed, and whoever may spot them, should report them to ISPRA (as for all other ringed birds).


        UNA SPATOLA AFRICANA (Platalea alba) è stata segnalata a Valle Mandriole (RA) almeno dal 2004 (SIGHELE, 2004). Da allora un individuo di questa specie esotica è stato lungamente osservato durante ogni stagione riproduttiva, mentre nel 2008 le osservazioni si sono protratte sino agli ultimi giorni di ottobre. In ogni occasione è sempre e stato osservato un solo individuo che non è risultato inanellato o in alcun altro modo marcato.

        A Valle Mandriole, tra altre nove specie di Ciconiformi coloniali, si riproduce anche la Spatola (Platalea leucorodia), specie autoctona che qui conta oltre cento coppie nidificanti e quindi la più importante colonia italiana (VOLPONI et al., 2008). La ripetuta osservazione dell'individuo di Spatola africana all'interno della colonia di Spatola ha fatto ipotizzare la formazione di una coppia mista tra queste due specie di Treschiornitidi.

        In effetti, la formazione ed anche il successo riproduttivo di una coppia mista sono stati successivamente accertati ed i pulli ibridi nati da questa del tutto inconsueta "unione" sono stati inanellati nel maggio 2006 (VOLPONI & EMILIANI, 2008). Grazie all'inanellamento, oggi possiamo sapere che uno di quei soggetti ibridi (anello colorato "IBVJ") è stato in seguito osservato sia a Valle Mandriole, cosa facilmente prevedibile considerata la fedeltà al sito natale proprio della Spatola, sia del tutto inaspettatamente in Ungheria dove ha sostato per alcuni giorni tra la fine di luglio e la metà di agosto 2007 (VOLPONI & EMILIANI, 2008). Questo stesso individuo è poi stato segnalato nuovamente a Valle Mandriole a fine ottobre 2008 e, probabilmente, a Valle Canneviè (FE) il 6 novembre successivo. Quest'ultima osservazione è stata effettuata da Aldo Tonelli che ha fotografato un ibrido in volo con alcune Spatole. Sia l'ibrido che una delle altre spatole risultavano marcate, ma non è stato possibile leggere gli anelli.

        Gli ibridi tra Spatola e Spatola africana hanno zampe e becco neri, le piume alla base del becco e intorno agli occhi sono rosse come in Spatola africana, il resto del piumaggio è completamente chiaro.




Ibrido Platalea alba per Platalea leucorodia nato e inanellato a Valle Mandriole nel 2006 e
osservato in Ungheria tra fine luglio e metà agosto 2007 - foto Ádám Faragó del 28.07.2007


Ibrido Platalea alba per Platalea leucorodia tra due Spatole, osservato a Valle Canneviè
foto Aldo Tonelli del 6.11.2008


Se la riproduzione mista tra le due diverse specie di spatola era forse preventivabile, è stato ben più sorprendente scoprire che probabilmente lo stesso individuo di Spatola africana si è accoppiato con successo anche con un Ibis sacro (Threskiornis aethiopicus). Da questa ancor più inconsueta unione tra specie esotiche alloctone sono nati tre pulli, uno nel 2007 e due nel 2008. Anche questi individui sono stati inanellati nel corso del monitoraggio della colonia di Ciconiformi del comprensorio di Punte Alberete e Valle Mandriole (VOLPONI & EMILIANI, 2008) e mentre l'individuo nato nel 2007 non è sinora mai stato contattato, i due fratelli nati nel 2008 sono stati segnalati più volte a Valle Mandriole sin da luglio, ovvero nelle settimane immediatamente successive l'involo.

        Dopo varie osservazioni compiute ad ottobre (dati Centro Nazionale Inanellamento), proprio a Valle Mandriole il 2 novembre Carlo e Simonetta Poiani hanno osservato e fotografato uno di questi ibridi di Spatola africana x Ibis sacro. L'individuo, nato nel 2008, era riconoscibile perché portava un anello metallico sulla zampa sinistra e un anello di color giallo con la scritta "BB" sulla zampa destra (anello per Ibis sacro). Questo ibrido ha zampe nere, intorno agli occhi e alla base del becco similmente alla Spatola africana presenta penne colorate anche se di un rosso molto scuro, la rimanente parte della testa e il collo sono completamenti bianchi, il becco è ricurvo verso il basso ma un po' meno dell'Ibis sacro, la punta del becco è leggermente schiacciata a spatola, le punte delle ali sono nere.

        Come in tutti gli altri casi, si invita chi avesse l'opportunità di osservare uno di questi ibridi di segnalare i dati dell'avvistamento al Centro Nazionale di Inanellamento dell'ISPRA (ex INFS).



Ibrido Platalea alba per Threskiornis aethiopicus al momento dell'inanellamento a Valle Mandriole nel 2007, nelle mani di Stefano Volponi e Davide Emiliani - foto Stefano Volponi


Ibrido Platalea alba per Threskiornis aethiopicus nato a Valle Mandriole nel 2008, lì osservato il 2.11.2008 - foto Carlo Poiani



Bibliografia

  • SIGHELE M., 2004: Spatola africana (Platalea alba) a Valle Mandriole (RA) e revisione di questa specie in Italia. Quaderni di birdwatching, 12: CD ROM.
  • VOLPONI S. & EMILIANI D., 2008: Presenza e riproduzione di due specie di Ciconiformi esotici con formazione di ibridi nelle zone umide ravennati del Parco del Delta del Po. X Convegno Nazionale degli Inanellatori Italiani - Riassunti delle comunicazioni e dei poster: 50-51.
  • VOLPONI S., EMILIANI D. & FASOLA M. 2008. An overview of Spoonbills in Italy. International Spoonbill Working Group Newsletter, 5: 3-5.

  • BACK

    2008, Quaderni di birdwatching

    Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.