Quaderni di birdwatching anno X - volume 20 - ottobre 2008

Recensioni
Titolo
di Franco Roscelli

     NELL'ANGOLO NORD-ORIENTALE della provincia di Parma, a breve distanza dal Po, tra coltivi e pioppeti industriali, serpeggia una striscia di canneto a segnalare la presenza dell'antico alveo nel quale, sino alla metà dell'Ottocento, scorrevano le acque del torrente Parma prima di confluire nell'Enza.

     Tra il 1845 e il 1850 la deviazione del Torrente Parma portò il corso d'acqua ad immettersi direttamente in Po, lasciando l'ultimo tratto del torrente escluso dal flusso diretto delle acque e dando così origine alla Parma Morta. Questa in passato disponeva di un rifornimento idrico periodico, che consentiva il persistere di una zona umida di buon valore naturalistico. Il progressivo abbassamento della falda superficiale e l'interramento storicamente avviato dai proprietari dei terreni limitrofi, per recuperare terre da destinare alle colture, hanno però notevolmente ridotto l'ampiezza dell'alveo e la quantità di acqua, particolarmente durante l'estate.

     Un progressivo degrado che la Riserva Naturale Parma Morta (sito web), istituita dalla Regione Emilia-Romagna nel 1990, è riuscita a fermare, con interventi graduali di tutela di una preziosa testimonianza delle antiche dinamiche fluviali della pianura padana.

     L'area protetta, situata interamente nel Comune di Mezzani tra le foci dei torrenti Parma ed Enza, si estende per 66 ha e tutela un tratto lungo quasi 5 km. Nella Parma Morta è in corso di avanzata realizzazione un progetto di ripristino ambientale, seguito da Maurizio Ravasini, che è anche l'autore del volume dedicato all'avifauna della riserva, 100 pagine che descrivono le 140 specie osservate fino al 2006, di cui 67 nidificanti.

     Il volume, edito con il contributo del Comune di Mezzani e della Provincia di Parma, è corredato dalle fotografie di tutte le specie e dalle mappe di distribuzione di quelle nidificanti.



acquisti:

email

BACK

2008, Quaderni di birdwatching

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.