Quaderni di birdwatching anno IX - volume 17 - aprile 2007

Archeornitologia
Titolo
di Silvio Bassi

Archeopteryx: the tenth specimen
Few fossils have so deeply influenced both our imagery and our knowledge of prehistoric times as the Archeopteryx has. The author traces a brief history of the discovery of all known specimens of this species, beginning with the first one found in 1860. Then, he considers how the features revealed by the latest discovered specimen (skull, fingers, etc.) strengthen the link between dinosaurs and birds, now lumped in the superorder Dinosauria.


        POCHI FOSSILI HANNO INFLUENZATO così profondamente l'immaginario comune come l'Archaeopteryx. Forse solo il Tirannosauro gli sta alla pari. Questo rettile-uccello, anello di congiunzione tra i dinosauri e gli uccelli, prova fossile della teoria evoluzionistica di Darwin, ha avuto ed ha tuttora un grande peso sulla nostra comprensione della preistoria. Un nuovo ritrovamento, il decimo dalla sua scoperta, getta ora più luce su questa specie.

        Ma andiamo con ordine. Il primo ritrovamento risale al 1860. Tutto cominciò con una penna, scoperta nella cava di pietra di Solnhofen. Il ritrovamento fece sensazione, perché rappresentava la prima informazione sull'esistenza di un uccello fossile nel periodo Giurassico. La penna fu descritta nel 1861 da Hermann von Meyer, che gli diede il nome scientifico Archaeopteryx litographica, ossia la "penna antica dalla pietra da stampa".


concessione del Museo Senckenberg

        Nel 1861, solo un anno dopo il ritrovamento della penna, fu scavato il primo scheletro dell'animale. Anch'esso venne ritrovato nella stessa area. La sensazione nel mondo scientifico fu ancora maggiore, poiché il fossile aveva penne come un uccello, ma anche una lunga coda ossea, nonché artigli alle zampe. Il teschio mancava, tuttavia già l'esemplare, conservato al Museo di Storia Naturale di Londra, fece epoca poiché rappresentava un sostegno per la teoria dell'evoluzione di Darwin, il cui libro "L'evoluzione delle specie" era stato pubblicato solo due anni prima.

        Il secondo esemplare di Archaeopteryx fu ritrovato tra il 1874 ed il 1876 nel Blumenberg, vicino ad Eichstätt. Questa volta era presente un cranio intero. Con questo esemplare divenne chiaro che l'animale aveva caratteri sia da rettile che da uccello. Una particolare impressione derivava dal fatto che la mascella, a differenza degli uccelli attuali, recava numerosi denti. Questo esemplare, conservato al museo di Storia Naturale di Berlino, è leggermente più piccolo del primo ritrovato. Fu descritto completamente nel 1884 da Wilhelm Dames, e, in onore al mecenate che aveva finanziato gli scavi, Werner von Siemens, fu chiamato Archaeopteryx siemensi. Ad oggi tale specie non è riconosciuta e si attribuisce quest'esemplare alla specie che dà il nome al genere. Per il ritrovamento del terzo esemplare si dovette attendere fino al 1956. Lo scheletro mostrava poche novità rispetto ai precedenti; l'esemplare fu lasciato in esposizione al Museo di Maxberg fino al 1974, e quindi ritirato dal proprietario. Di questo esemplare si sono perse le tracce.

        Il quarto esemplare, ritrovato nel 1855, fu "riscoperto" nel 1970, in quanto, in assenza di fossilizzazione delle penne, era stato scambiato per un piccolo dinosauro carnivoro. Questo, assieme ad altre prove, portò il paleontologo John Ostrom alla formulazione della teoria che i parenti più prossimi degli uccelli fossero i Deinonychosauridae, un gruppo di dinosauri cui appartiene ad esempio il famoso Velociraptor apparso nel film "Jurassic Park".

        Anche il quinto esemplare non fu riconosciuto immediatamente come Archaeopteryx. Fu ritrovato nel 1951 vicino ad Eichstätt, ma venne riconosciuto solamente nel 1973 da Franz Xaver Mayr. Questo esemplare, il più piccolo mai ritrovato, rivelò alcuni dettagli del cranio che presentavano grandi analogie con quello dei dinosauri teropodi. L'esemplare venne attribuito ad un nuovo genere (Jurapteryx), ma oggi si pensa che si tratti in realtà di un giovane di Archaeopteryx. Lo stesso accadde al sesto esemplare, scoperto negli anni 60, ma riconosciuto solo nel 1988 da Peter Wellnhofer come Archaeopteryx. Si tratta del più grande esemplare mai trovato, che per alcune caratteristiche della coda nonché del bacino era stato attribuito alla nuova specie Wellnholferia grandis, la cui validità è però discussa.

        Il settimo esemplare fu ritrovato nel 1992, e consentì di notare alcuni nuovi dettagli, come le cosiddette piastre interdentali nonché la struttura del palato tipiche dei dinosauri teropodi. L'ottavo esemplare, frammentario, non ha dato contributi nuovi alla conoscenza, così come il nono, costituito unicamente dai frammenti di un'ala isolata.

        Nel 2005 arriviamo al decimo esemplare, di grande significato per la scienza. Questo fossile mostra nuovi dettagli, finora sconosciuti, che consentono un corretto posizionamento degli uccelli in relazione ai dinosauri teropodi.

        Le ossa del palato - Il cranio del decimo esemplare è eccezionalmente ben conservato e consente per la prima volta una sua visione dall'alto. Le ossa del palato si trovano ancora nella loro posizione naturale. Una di queste ossa, il Palatinum, ha una quarta sporgenza, presente nei dinosauri teropodi, ma più ridotta nell'Archaeopteryx, e che è andata perduta nel processo evolutivo, in quanto non si ritrova più negli uccelli attuali. Questa è un'evidenza filogenetica rilevante ai fini della posizione sistematica della specie.

        Il secondo dito - La superficie superiore della seconda falange del secondo dito dell'arto posteriore consente il ripiegamento della prima falange, con l'unghia, verso l'alto, come nel dinosauro teropode Deinonychus. Negli uccelli odierni il ripiegamento è invece verso il basso. Questo carattere distintivo permette quindi di stabilire una correlazione univoca tra Deinonychosauridae e Archaeopteryx.

        L'astragalo - In questo esemplare è per la prima volta riconoscibile l'astragalo, il cui processo ascendente conferma una volta di più quanto esposto ai punti precedenti in termini di relazione filogenetica. Negli uccelli attuali tale processo è fortemente ridotto. Questo particolare anatomico è correlato con l'andatura bipede dei precursori della specie.

        Il primo dito - In più questo esemplare mostra il primo dito dell'arto posteriore, non ancora completamente girato in senso opposto agli altri come negli uccelli attuali, anche se il processo di spostamento era già in corso.

        In conclusione, con questi caratteri, anche le ultime "caratteristiche" degli uccelli mostrano di essere caratteri condivisi tra dinosauri ed uccelli, come già commentato da Igor Festari su queste pagine (Quaderni di birdwatching numeri 7 e 8), in quanto, grazie agli ultimi ritrovamenti paleontologici, risulta chiaro che penne e furcula (il cosiddetto osso dei desideri) erano diffusi già tra i dinosauri teropodi ed ora nessun carattere divide più queste due classi, riunite oggi nel superordine Dinosauria.


GLOSSARIO

Dinosauri teropodi: questa definizione copre un gruppo differenziato di dinosauri bipedi saurischi (aventi il bacino come i sauri attuali), così chiamati dall'impronta del loro piede (letteralmente piede di animale). Essi includono i più grandi carnivori terrestri mai esistiti, come il Tyrannosaurus rex, ma non tutte le forme erano giganti, ed in particolare non lo erano quelle cui si fa riferimento nel testo del presente articolo.

Filogenetica: lo studio delle relazioni evolutive tra vari gruppi di organismi (ad esempio tra specie o popolazioni).

John Harold Ostrom: paleontologo, nato il 18/02/1928 e morto il 16/07/2003. Il suo contributo alla paleontologia, in particolare per ciò che concerne i dinosauri, è stato fondamentale. La sua pubblicazione di un articolo nel 1963 contribuì a passare dal vecchio modo di vedere i dinosauri come animali lenti e stupidi ad animali veloci, intelligenti e più simili nei comportamenti alla fauna attuale. La sua scoperta del Deinonychus, l'anno seguente, convinse ancora di più la comunità scientifica ed egli arrivò a preconizzare ciò che oggi viene dimostrato: la relazione di quest'ultimo con l'Archaeopteryx e quindi gli uccelli attuali.

Hermann von Meyer: paleontologo, nato il 03/09/1801 e morto il 02/04/1869. Grande paleontologo, autore delle prime descrizioni di numerosi fossili, quali il Teratosauro, il Ramforinco, il Plateosauro e l'Archaeopteryx.

Wilhelm Dames: nato il 09/06/1843 e morto il 22/12/1898. Paleontologo e geologo dell'Università di Berlino che descrisse il primo esemplare completo di Archaeopteryx.

Franz Xaver Mayr: docente di chimica, geologia e biologia, curatore del Museo del Giurassico ad Eichstätt, autore nel 1973 della descrizione del quinto esemplare di Archaeopteryx.

Peter Wellnhofer: paleontologo, nato nel 1936 a Monaco di Baviera. Conservatore della collezione paleontologica statale della Baviera. Ha lavorato per oltre trent'anni sugli pterosauri, ed è autore di una serie di pubblicazioni chiave sull'argomento.


Ringraziamenti

Si ringrazia il Museo di Scienze Naturali Senckenberg per la disponibilità dimostrata


BACK

2007, Quaderni di birdwatching

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale senza consenso scritto.