MENU
Urban Bird Blitz 2019
Il Birdwatching Italiano | check list degli uccelli italiani | attrezzatura per birdwatching

Urban Bird Blitz 2019

Urban Bird Blitz

con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

UDINE ha il maggior numero di specie tra 9 città italiane !

In totale osservate 158 specie differenti di Uccelli !


La prima edizione dell’Urban Bird Blitz, iniziativa promossa da EBN Italia per identificare la città capoluogo di provincia, con la maggiore biodiversità di Uccelli nel proprio territorio comunale, ha visto uma vincitrice inaspettata : Udine ! In totale, le specie di Uccelli osservate sono state ben 158

Udine con una superficie di soli 56 kmq ospita ben 82 specie di Uccelli ! 

La classifica: 

  • Udine 82
  • Venezia e Catania 78
  • Torino e Milano 70
  • Novara  56
  • Sondrio 55
  • Napoli 45
  • Roma 27

Ma perchè proprio Udine? Alcuni Comuni, come Roma, Venezia e Catania si proponevano alla vigilia come aree urbane con potenzialmente una maggiore ricchezza di specie ornitiche, soprattutto in virtù della diversa caratterizzazione del territorio. Roma che vanta l’area comunale più grande d’Italia (1285 kmq, 22 volte Udine, 7 volte Milano o Torino) parte però subito con l’handicap di non avere sufficienti rilevatori, Catania e Venezia invece hanno lagune, porti, coste marine o foci dei fiumi, territori molto interessanti e con una grande diversità di ambienti. Rimangono come risultato appena sotto, con 4 specie in meno di Udine, che non ha il mare.

Cosa spinge allora Udine in testa? Probabilmente l’esperienza del gruppo di rilevatori del nostro nodo Tringa e poter contare sulle basi scientifiche della relativamente recente indagine "Avifauna del Comune di Udine" dell’ornitologo Roberto Parodi (2008) e ancor più il loro precedente Urban Bird Blitz dell’anno scorso che però diede il risultato nettamente inferiore di 69 specie. Insomma gente preparata in quel di Udine che si sveglia all’alba!

Nella loro check list Occhione, Falco cuculo, Canapino maggiore, Succiacapre, Cannaiola, Cannareccione, Bigiarella, Picchio rosso minore (foto a destra dal blog di Tringa).

Poi ci sono Catania e Venezia, città fortunate perchè godono di un territorio comunale con una naturalità di tutto rispetto. Il Comune di Venezia si estende per 415 kmq, 3 volte Catania o Milano, territorio che comprende gran parte della Laguna Superiore, le isole, barene e paludi e la campagna di Mestre. Tra le città considerate, Venezia è quella che ha la più bassa densità abitativa (620 abitanti/kmq). 

Catania ha un territorio comunale molto variegato, che comprende l’oasi del Simeto, il porto, il litorale sabbioso e le contrade agricole attorno a Fontanarossa per complessivi 182 kmq. Aquila minore, Pollo sultano, Rondine rossiccia, Storno nero, Usignolo di fiume, Passero solitario, Averla capirossa, Pendolino, Cappellaccia, Falco di palude.

Comuni comunque fortunati, certamente migliori in fatto di naturalità resiliente rispetto a Milano, Torino e Napoli, capoluoghi che hanno le maggiori densità di abitanti per kmq (Napoli 8100 abitanti/kmq, Milano 7500, Torino 6700), città dove la fame di unità abitative ha sconvolto già da tempo i territori cittadini. Dove trovare campi aperti a Napoli e Milano? Solo nei parchi cittadini!

Ciononostante, la Natura resiste

A Milano, i birdwatchers si sono divisi in 4 squadre che hanno battuto la città dall’alba al tramonto. Hanno visitato le zone a parco (Parco Lambro, Parco del Ticinello, Parco della Vettabbia e Parco delle cave) trovando specie non comuni come Tarabusino, Canapiglia, Pavoncella, Allodola, Prispolone, Forapaglie macchiettato, Culbianco e Stiaccino. A Torino la ZPS del Meisino, il parco dell’Arrivore, il parco della Pellerina e la collina fino a Superga presentano aspetti naturali non secondari. Di rilievo la presenza del Picchio nero in città, poi Moretta, Cincia mora, Culbianco, Tordo bottaccio e ai laghetti della Falchera, Cannareccione, Sterna comune e Corriere piccolo.

Poi c’è Novara. La città di Novara si allarga a tela di ragno nella pianura lasciando poche aree verdi all’interno dei confini comunali però le risaie la circondano quasi completamente. Vanta Pellegrino, Gufo comune, Airone bianco maggiore, Cicogna bianca e il Picchio muratore che è una specie che non si muove tanto dalle aree boschive.

Realtà completamente differente è quella di Sondrio, la città dentro la Natura, più che Natura in città! Infatti Sondrio ha un territorio comunale di soli 20 kmq, è circondata dalle montagne e gli Uccelli sono quelli delle Alpi. Il nostro socio Riccardo ha rilevato 55 specie quali Smergo maggiore, Pellegrino, Torcicollo, Spioncello, Prispolone, Merlo acquaiolo, Sterpazzola, ma anche Gabbiano reale! 

Napoli non è Sondrio, è scontato. Il gruppo dell’Associazione Ornitologi Italia Meridionale vanta una conoscenza capillare della città con ben 3 atlanti cittadini. A Napoli la Natura è resiliente visto che come abbiamo scritto la densità di popolazione è la più alta d’Italia tra i capoluoghi di regione (e la quarta assoluta) ma gli Uccelli "si aggiustano". Rilevati tra gli altri, Pellegrino, Piccio verde, Picchio rosso maggiore, Rampichino comune, Occhiocotto, Rondine rossiccia, Gallinella d’acqua.   

E Roma? Roma ha fatto pochino e la rivaluteremo il prossimo anno. Merita di più!  Per omogeneità metodologica, in tutte le città è stato omesso il Piccione torraiolo o domestico, non incluso in Check list italiana.

Conclusioni? Le città italiane hanno una complessità di struttura urbana che è retaggio dell’evoluzione storica e architettonica di ciascuna città. Venezia e Sondrio sono ben diverse da Napoli e Novara. Ciascuna offre alle specie ornitiche ambienti più o meno naturali. La laguna di Venezia certamente lo è di più del Parco Lambro a Milano. La foce del Simeto è un hotspot incredibile di importanza nazionale. 

Però poi la migliore è Udine! E perchè lo sia può essere oggetto di interessante discussione!

 

 

Si ringraziano: ASOIM e Venezia_BW per l’adesione all’iniziativa e tutti i partecipanti. Urban Bird Blitz è stato effettuato usando Ubird come piattaforma dati.

Maggiori info
Stampa